ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
Ad Ostia scoperto il "Colosseo" del Porto di Traiano

 

Un altro Colosseo? Sembrerebbe di si. Questa volta bisogna spostarsi ad Ostia nel Porto di Traiano dove è stato scoperto un anfiteatro in scala, di dimensioni inferiori a quelle del più noto Anfiteatro Flavio, ma grande almeno quanto il Pantheon di Roma: 42 metri di lunghezza e 38 di larghezza.

Ne sono state riportate alla luce le fondamenta: l'ipotesi ricostruttiva e' che l'alzata delle pareti perimetrali che sostenevano le tribune fosse almeno di dieci metri. Il rinvenimento e' stato presentato durante un sopralluogo nell'area archeologica di Portus dalla soprintendenza archeologica di Ostia.

La scoperta e' frutto di una campagna di scavo durata tre anni condotta in collaborazione con la British School at Rome, l'Universita' di Southampton e l'Universita' di Cambridge, e diretta dal professor Simon Keay. "L'unicita' della scoperta - dice Keay - e' che e' la prima volta che viene rinvenuto un anfiteatro nel cuore di una zona portuale. Altra particolarita' e che questo emiciclo spicca nel centro del Palazzo Imperiale di Traiano, anche se l'edificio appena scoperto e' databile all'inizio del III secolo d.C. La nostra sfida e' capire perche' ci fosse una struttura simile dentro il palazzo imperiale". L'esempio più assimilabile idealmente e' l'Anfiteatro Cartrense di Roma. "La nostra speranza e' di dare nuova luce ad un sito archeologico di importanza mondiale - dice Simon Keay - Questo era il porto della Roma imperiale, quindi il più importante del mondo. Purtroppo oggi ancora poco conosciuto e forse troppo dimenticato".

"Il nostro lavoro - racconta Keay - e' iniziato nel '98 con una serie di indagini, e nel 2007 abbiamo avviato la campagna di scavo concentrandoci sul Palazzo Imperiale, un complesso molto importante che si estende tra i due bacini, quello di Claudio e di Traiano, e che rivela tracce dal I secolo all'epoca bizantina, in base alle trasformazioni del porto". Altro aspetto importante e' che l'anfiteatro puo' essere identificato con il teatro indicato da Rodolfo Lanciani durante gli scavi del 1868. Questo anfiteatro in scala ridotta rispetto al Colosseo, era chiuso nel palazzo, quindi non visibile dall'esterno, molto probabilmente un luogo privato per un godimento esclusivo dell'ufficiale pretore che gestiva il posto". La campagna di scavo si chiudera' il 9 ottobre, poi seguiranno le pubblicazioni.

"Ma vogliamo intanto realizzare un sito internet per la ricostruzione virtuale del porto di Roma all'indomani delle nuove scoperte - dice Keay - Quello per il Porto di Traiano e' uno scavo archeologico modello perché qui stiamo sperimentando tutte le metodologie di indagine, dalla geofisica al carotaggio alla realtà virtuale". Fruibile l'area? "Sarebbe importante aprirlo al pubblico, nel futuro spero che con i nostri lavori la gente conosca le potenzialità del sito. La speranza e' che si apra al pubblico".

FONTE: La Repubblica Roma.it


  Mostra le altre news