ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
Crollo presso la Domus Aurea

 

Circa settanta metri quadri della volta di una delle gallerie, lunga cento metri, costruite dall'Imperatore Traiano per cancellare la Domus Aurea neroniana e realizzare sulla stessa area le grandi terme che portano il suo nome sono crollati oggi. Una grande voragine si è aperta nel soprastante Parco di Colle Oppio
 La galleria viene identificata tecnicamente come "quindicesimo locale" ed è utilizzata come deposito per i reperti rinvenuti nell'area archeologica.
Probabile causa del crollo le infiltrazioni d'acqua a seguito delle ultime piogge. Ben 150 ambienti sotterranei sul Colle Oppio, infatti, non sono mai stati impermeabilizzati e sono soggetti a tale problema.
La situazione dell'area archeologica sul Colle Oppio è critica ormai da anni. La Domus Aurea, con i suoi 30.000 metri quadrati di affreschi e stucchi è stata soggetta a chiusure più o meno prolungate, l'ultima nel dicembre 2008 proprio per il pericolo di crolli.
Il commissario straordinario per la Domus Aurea, Luciano Marchetti definisce la situazione "di grandissimo allarme", ma assicura che sin da domani inizieranno il avori per mettere in sicurezza l'area della galleria coinvolta nel crollo.
L’Assessore alla Cultura del Comune di Roma, Umberto Croppi ha dichiarato all'ADNKronos: ”Non ci sono danni di alcun tipo alla Domus Aurea che anzi e’ in una fase di consolidamento. Quello che e’ crollato e’ un grottone laterale che non riguarda direttamente il Palazzo costruito da Nerone. Il crollo ha riguardato uno degli ambienti chiusi al pubblico e utilizzato come deposito. E’ stato certamente ingente e sono rimasti sepolti molti reperti che pero’ sono recuperabili. La volta, invece, non potra’ essere recuperata. Adesso la zona e’ stata messa in sicurezza e si sta facendo la diagnosi degli altri ambienti”.

Per maggiori informazioni:
 corriere.it
ilmessaggero.it



  Mostra le altre news