Ninfeo di Via degli Annibaldi

 

Una delle nicchie che ospitavano delle statueIl Ninfeo, accessibile da una porticina metallica e scoperto nel 1894 in occasione della costruzione dell'omonima via ed in parte da questa tagliato, consiste di un'abside che si innesta in un'ambiente a pareti rettilinee, munito di vasca; questo e' tagliato a sua volta da fondazioni imperiali (Probabilmente della Domus Aurea).

Restano quattro delle nove nicchie originarie. Tutta la facciata dell'abside e' decorata con motivi architettonici e figurati ottenuti con pietra pomice e conchiglie (losanghe, scudi e corrazze). La datazione, deduibile dalle tecniche murarie, un reticolato a tufelli molto piccoli, ancora di eta' repubblicana (circa 50 a.C.)

Il ninfeo apparteneva probabilmente ad una Domus distrutta dalle costruzioni neroniane. Purtroppo non è possibile riportare ulteriori notizie, visto anche l'esiguo sviluppo dell'ipogeo, in pianta solo 3x4 metri circa.

Da -Roma- di F. Coarelli - Ed. Laterza 1995



Localizzazione