ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
Presentate da MiBac e Soprintendenza le ultime scoperte archeologiche a Roma
Articolo del 17 Ottobre 2008

 

Logo MiBacDurante la conferenza stampa dello scorso 16 ottobre, l'on. Francesco Maria Giro, sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali ed Angelo Bottini, Soprintendente per i beni archeologici di Roma, hanno presentato alcuni rinvenimenti archeologici, emersi durante interventi di tipo diverso, nel corso degli ultimi dodici mesi a Roma, in area centrale come nel suburbio.

I ritrovamenti riguardano una Domus repubblicana con sovrastante impianto residenziale e cunicoli al Palatino, una necropoli e un quartiere di mausolei vicino allo stadio Flaminio, un monumento funeriario su via Flaminia, nell'area di via Vitorchiano, e un complesso termale dell'antica Lorium, nella zona di Castel di Guido, sull'Aurelia.

Di particolare bellezza e rilevanza storica sembra il quartiere sepolcrale di via Flaminia , forse uno dei più significativi esempi di città dei morti dopo quella dell'Isola Sacra e la necropoli Vaticana con i quali sembrerebbe avere più punti di contatto.

Laddove le scoperte sul Palatino e sull'Aurelia sono frutto di interventi mirati alla tutela del patrimonio, effettuati dalla Soprintendenza, e l'area sepolcrale del Flaminio è stata ritrovata a seguito dei lavori di ristrutturazione dello stadio omonimo, a via Vitorchiano, invece, il ritrovamento del monumento funerario di Marco Nonio Macrino, proconsole d'Asia sotto l'imperatore Marco Aurelio è avvenuto nel contesto di lavori di trasformazione ed edificazione privati.

Schede, immagini e maggiori informazioni su :  http://www.beniculturali.it/sala/dettaglio-comunicato.asp?nd=ss,cs&Id=2802



  Mostra le altre news