ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
Sotterranei di Villa Silvestri Rivaldi

 


Al di sotto di Villa Silvestri Rivaldi, nel corso dell’esplorazione richiesta dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, sono stati individuati:

  • un piccolo ambiente di cava all’interno del banco tufaceo. Parte della cava è stata poi riutilizzata come magazzino - cantina per derrate e/o stoccaggio di legname. In esso infatti furono ricavati diversi piccoli ambienti laterali, simmetrici ed equidistanti tra loro, rinforzati con strutture in muratura, pur mantenendo in evidenza, in molti tratti, il banco di tufo originale in cui sono stati scavati. E’ stato anche individuato un pozzo di ventilazione per il ricambio d’aria del complesso ipogeo. Due ingressi dal cortile permettono oggi di accedere a questi ambienti sotterranei.

  • delle strutture idrauliche, con un condotto principale e tre condotti di immissione. Un quarto condotto si immette dalla volta: trattasi dello scarico della sovrastante fontana - ninfeo presente nel cortile. Il condotto alla base risulta essere rivestito in materiale cementizio, mentre le pareti sono realizzate in moderni laterizi.

Il condotto idraulico principale arriva a toccare nel suo punto più alto i 6 metri.


per Roma Sotterranea, Adriano Morabito


Localizzazione