ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
Una petizione per salvare la tomba del Gladiatore

 

Il motivo è sempre lo stesso: mancanza di fondi. Così la tomba di Marco Nonio Macrino, un monumento funerario del II secolo venuto alla luce nel 2008 lungo l'antica Via Flaminia, rischia di ritornare sotto terra, per preservarlo da agenti atmosferici e da possibili atti di vandalismo.
Tre i milioni di Euro che mancano all'appello per poter intervenire sull'area e sul monumento.
Quattro anni fa la notizia fece il giro del mondo: la scoperta del magnifico monumento funebre al proconsole di Marco Aurelio in Asia Minore fu considerata una delle più importanti degli ultimi trent'anni. La tomba non è intatta, ma i blocchi di marmo sono tutti lì, con la grande iscrizione che permise di ricostruire l’identità del defunto. Sarebbe quindi possibile ricostruire il monumento quasi nella sua interezza.
A questo personaggio, come ormai ben noto, si ispirò il regista Ridley Scott per il suo film: “Il Gladiatore”. Ecco allora muoversi l’attore che interpretò questo ruolo, Russel Crowe: "I membri dell'amministrazione comunale di Roma dovrebbero sempre incoraggiare i cittadini italiani ad essere fieri dei successi e della gloriosa storia del loro Paese" dichiara la star americana.
Per salvare il monumento Darius Arya tramite l’American Institute for Roman Culture – www.romanculture.org (con cui Roma Sotterranea collabora)  ha promosso una petizione online, "Save the Gladiator's Tomb". Dice Darius: “Vogliamo testimoniare al ministero per i Beni Culturali che c'è grande interesse per questa scoperta da parte della comunità scientifica di tutto il mondo. Non contestiamo l'operazione di reinterro perché ne comprendiamo le motivazioni, ma vorremmo che si prendessero in considerazione tutte le possibili soluzioni. Come ultima chance, puntiamo a raccogliere fondi per salvare il monumento".
Il gruppo Bonifaci, proprietario dell’area potrebbe però rendersi disponibile a finanziare un'operazione di valorizzazione dell'area collaborando con la Soprintendenza ad un progetto di qualità condiviso. 
Forse il Parco archeologico della Via Flaminia potrebbe nascere proprio dalla tomba del “Gladiatore”.


  Mostra le altre news