ATTIVITA' IN CORSO
Terme di Caracalla
Studio dei sotterranei con particolare attenzione al sistema idraulico di adduzione e smaltimento


Villa di Massenzio
Il complesso massenziano si estende tra il II ed il III miglio della via Appia Antica ed è costituito da tre edifici principali: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico, progettati in una inscindibile unità architettonica per celebrare l’imperatore Massenzio.


Via Teatro Marcello
Studio degli ipogei alle pendici del Campidoglio


Cloaca Maxima
Il sistema di gestione delle acque, in ingresso come in uscita, permise a Roma di raccogliere una popolazione numericamente mai più raggiunta fino all'800.
La Cloaca Maxima è una delle fondamenta di tale sistema.


Ipogei di Anagni
Una convenzione tra Amministrazione locale e Federazione Speleologica Hypogea prevede l’esplorazione, la mappatura e la documentazione degli ambienti sotterranei di Anagni con lo scopo valorizzarli a fini turistici.


Acquedotti
Studio ed esplorazione degli acquedotti dell'antica Roma


Cave di Villa de Sanctis
Esplorazione e rilievo della vasta rete caveale del Sesto Municipio.


Emissario Albano
Esplorazione e studio nell'ambito della Federazione Hypogea


Archivio attivitą svolte
PUOI SEGUIRCI ANCHE SU...
Facebook Twitter YouTube Flickr Flickr RSS
RICERCA NEL SITO
Cerca:
A Gabii ritrovata la reggia dei Tarquini

 

 A sorpresa, frutto di un veloce e fortunato scavo, riemerge nell'area archeologica di Gabi, 20 chilometri a sud-est di Roma sulla via Prenestina, un edificio del VI secolo a.C..
Gli archeologi non hanno dubbi: quella casa era la reggia in città dei Tarquini che già regnavano a Roma. Tre stanze non comunicanti tra loro, con tutta probabilità destinate alle operazioni di culto e affacciate su un grande portico dove insistevano altre parti del fabbricato - che ora si spera di trovare - con le stanze private e di rappresentanti.

I muri delle stanze sono incredibilmente integri, un particolare quasi senza precedenti per l'epoca: eretti certamente da maestranze fatte venire da Roma, erano intonacati e dipinti. E sotto il pavimento in pietra, sono riemerse, intatte, otto fosse circolari scavate in corrispondenza dei punti cardinali e usate per i rituali di inaugurazione di quel particolarissimo cantiere. In cinque di queste, i corpi di altrettanti feti o bimbi morti a ridosso della nascita.  L'ipotesi è che vi abitasse, dopo aver conquistato la città e fatto strage dei nobili locali, il figlio di Tarquinio il Superbo, Sesto Tarquinio. Ma forse la residenza era della famiglia già nei decenni precedenti. Di certo c'é che quella casa regale ad un certo punto venne distrutta, forse quando Sesto Tarquinio venne ucciso mentre a Roma veniva cacciato Tarquinio il Superbo. O meglio: venne smontato il tetto monumentale - che doveva essere ornato di statue e ricchi fregi - e gli ambienti vennero seppelliti fino a lasciare solo un tumulo di pietre.
La grande lastra in terracotta che ornava il tetto, con il fregio del Minotauro simbolo dei Tarquini, è stata ritrovata in frantumi, rotta forse dagli operai che, caduta a Roma la monarchia, ebbero l'ordine di seppellire sotto un cumulo di pietre quella che per decenni era stata casa di re anche nella vicina città di Gabii. Una damnatio memoriae che si rivela oggi una fortuna. Perché proprio quel seppellimento ha consentito alla reggia di arrivare praticamente intatta fino a noi - spiega Bottini che con questo ritrovamento corona la carriera di soprintendente - facendo di questo ritrovamento una rarità che non ha praticamente confronti in Italia e che ammanta di grandi aspettative i nuovi possibili ritrovamenti. Sotto l'erba e le pietre di Gabi - 70 ettari demaniali solo in minima parte scavati che la soprintendenza è riuscita con i vincoli a salvare dall'avanzare dell'abusivismo edilizio della periferia romana - riposa intatta la città antica, in pratica una 'piccola Roma' arcaica con le sue strutture che molto potrebbero raccontarci anche di quelle che a Roma, quella vera, non ci sono più, sepolte dalle costruzioni di età imperiale. Ora quindi si guarda al futuro, si spera di trovare il ricchissimo tetto, il portico, altre parti della reggia e della città. Ma servono i fondi: per riportare alla luce la reggia, spiega Bottini, sono stati spesi sino ad oggi 60 mila euro iva compresa, in cassa ce ne sono altrettanti, non di più.

Il sottosegretario ai Beni Culturali Francesco Giro assicura che si cercherà di trovare nuove risorse: "meglio finanziare una mostra di meno e trovare fondi per l'archeologia", dice. E guardando le distese verdi dell'area con in lontananza gli scempi edilizi di periferie e abusivismo, ribadisce la soddisfazione per i vincoli che il ministero ha voluto imporre all'agro romano.


Fonte: ANSA - Articolo di Silvia Lambertucci


  Mostra le altre news